Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Le Origini

Le origini della nostra città, secondo alcune fonti, risalgono al periodo romano. Tali affermazioni sono poco documentate. Alcuni ritrovamenti di tombe e di suppellettili datano l'esistenza di un villaggio di pescatori già nel IV° secolo a.C. Questa ipotesi è verosimile in quanto, per la sua posizione la nostra città offriva un valido approdo ai commerci di Rubo (Ruvo di Puglia). La prima indicazione di un sito posto tra Turenum (Trani) e Natiolum (Giovinazzo) è riportato sull'Itinerarium Provinciarum Antonini Augusti, datato intorno al 217 d.C.. Tale posto era denominato RESPA, probabile trascrizione errata del toponimo MELPHA. E' ovvio che doveva trattarsi di un piccolo villaggio di pescatori. Il primo documento ufficiale che cita la nostra città risale al Novembre del 925 d.C.. Tale documento certifica l'esistenza di una civitas, denominata MELFI , posta su una penisola detta di S.Andrea. La città si sviluppò sotto il dominio bizantino.

All'inizio del XI secolo arrivarono i Normanni e la nostra città riuscì a conservare una discreta autonomia che ne agevolò lo sviluppo. Fu in questo periodo che la città divenne protagonista nei commerci con l'Oriente. Infatti il transito dei pellegrini verso la Terrasanta, in occasione delle Crociate, e la sosta degli stessi presso l'hospitium di Santa Maria dei Martiri fece si che la città assumesse un'importanza a livello europeo. Fu uno dei tanti pellegrini CORRADO di BAVIERA, che innamorato della nostra terra vi rimase per divenirne, alla Sua morte, il Santo Protettore. Durante la dominazione Angioina la città riuscì a rimanere autonoma.

I guai giunsero con la venuta degli Aragonesi. Vi fu un periodo abbastanza turbolento di lotte tra francesi, spagnoli e italiani. Queste guerre provocarono morte e distruzione in tutto il meridione con avvenimenti che avrebbero segnato per sempre la nostra storia. Uno di questi è il SACCO DI MOLFETTA, avvenuto nei giorni 18 e 19 Luglio del 1529, episodio che per un lungo periodo impedì la rinascita economica della città.

Liberamente tratto da:
"MOLFETTA una città riflessa nel suo porto" di C. PISANI - Ed. Mezzina